logo

    • 30 SET 16
    • 0
    Una domenica a Serracapriola (Fg)….Borgo medievale…Castello…Convento di “Padre Pio Giovane”.

    Una domenica a Serracapriola (Fg)….Borgo medievale…Castello…Convento di “Padre Pio Giovane”.

    Sul nome di Serracapriola esiste anche una legenda: si narra che un conte intento nella caccia inseguii un capriolo che lo condusse in un piccola grotta dove con stupore notò un altare con una bellissima immagine raffigurante la Madonna. Gli abitanti costruirono in onore della Vergine una chiesetta, Santa Maria in Silvis, ed accanto ad essa diedero vita al centro abitato, che dalla legenda, prese il nome di Serracapriola. La costruzione più antica del paese è il castello costruito nell’XI secolo, in piena dominazione federiciana – sveva. Dopo diverse vicissitudini, la città fu ceduta ai benedettini dell’abbazia di Montecassino, che, nel 1100, vi stabilirono la propria residenza, fu successivamente infeudata a più nobili famiglie, tra cui gli Sforza, i Guevara e i Maresca. Epicentro della costruzione la torre ottagonale con pianta a stella che fungeva da vedetta, alla cui sommità si accedeva con una scala a chiocciola. La torre, nel corso del XVI e XVIII secolo fu ampliata e ora si presenta a pianta quadrata con quattro torrioni agli angoli. Dell’antico fossato, profondo una decina di metri, sono ora visibili solo alcuni resti nel versante occidentale. All’interno del cortile c’è quello che nella tradizione popolare ha soprannominato “il trabocchetto”, un’ampia e profonda apertura mai esplorata. La legenda narra che la profonda voragine fosse un ingegnoso meccanismo in grado, tramite una ruota dentata in continuo movimento, di triturare le ossa di chi vi cadeva dentro. Il piano inferiore, tuttora abitato e in buone condizioni di mantenimento, è ricco di ampi saloni (notevole è la cosiddetta “Sala del Trono”) e camminamenti che scorrono lungo il perimetro del castello e che danno all’esterno su panorami che si estendono a perdita d’occhio e all’interno su un bel cortile in pietra, pulito e luminoso. Sul corridoio meridionale, in corrispondenza di una finestra murata ben visibile dall’esterno, si apre una cappella con un piccolo altare, la cui creazione è legata ad un triste fatto di cronaca accaduto intorno al 1716, quando padrone del castello e del feudo di Serrracapriola era un signorotto di nome Giovanbattista, figlio naturale di Cesare Michelangelo D’Avalos-D’Aragona. Dalla piazza antistante il castello, si snoda la Via del Borgo, un grande viale alberato a tre corsie, opera di Nicola Maresca, primo duca di Serracapriola. La chiesa più antica del paese è Santa Maria in Silvis, edificata qualche anno dopo il castello. Distrutta dal terremoto dell’anno 1629, fu ricostruita in cotto da Donato Gentile Quantulano; dell’antica struttura è oggi visibile soltanto l’antico portale architravato in pietra. La facciata è a capanna con cupola rettangolare, mentre l’interno è a tre navate con cupola. In fondo alla navata centrale si erge l’altare, e alle sue spalle, il coro e il quadro della Madonna. Tra le opere principali il quadro della Madonna Santa Maria in Silvis dell’anno 1534 e la tela dell’Annunciazione, del XVIII secolo. Di grande evidenza è la chiesa di San Mercurio costruita nell’anno 1630, dopo essere stata distrutta dal terremoto, è oggi considerata la più bella di tutta la diocesi. Al suo interno, tre navate con transetto, cupola, capolino e coro, con molteplici altari patronali con annesse reliquie di santi. Presenti anche la chiesa di Sant’Antonio Abate, costruita interamente in cotto, e oramai sconsacrata, e la chiesa di Sant’Anna con la sua facciata quadrata e due ordini di resene, grandi nella parte inferiore e, nane in quella superiore. La chiesa e il convento di Sant’Angelo furono fondati extra menia nell’anno 1436, furono ampliati nel corso del settecento con la costruzione dell’infermeria, della libreria, dei dormitori, e del giardino recintato, unico ad essersi conservato intatto insieme alla tomba del predicatore Tommaso D’Avalos, fratello del Marchese di Vasto. La chiesa ed il convento di Santa Maria delle Grazie, arricchiti e rimaneggiati nel corso dei secoli, furono fondati nel 1536: dall’originale stile seicentesco, conserva ancora il piccolo ed elegante chiostro porticato, la porta lignea e la tavola raffigurante la Madonna delle grazie, da Francesco da Tolentino. Serracapriola venne attaccata e distrutta dai Turchi nel 1566. Un altro triste evento colpì il paese nel 1627, quando la città fu quasi rasa al suolo da un forte terremoto. La sua storia ha seguito quella del resto della regione, assoggetta a diverse dominazioni fino all’ingresso nell’Italia unita, nel 1861.

    Il Borgo medievale

    vicolo via santa chiara_0 Forenza_vicologetlstd-property-photopanoramica-serracapriola

    Il Castello 

    serra1fotoCserraca-590x398serracapriola

    Il Convento di “Padre Pio Giovane”

    8035233180352355cella-di-fra-pio-nel-convento-di-sant-elia-a-pianisiSerracapriola_Convento1

    Le Chiese

    chiesasan angeloSan_mercurio_martiresanta maria

    Dove mangiare

    il-biglietto-da-visitada1004409_1381389615408623_294135977_ncibo10624590_10202555764129162_2418877968403516456_n (1)mudu

    borgo6543.jpg.orig

    Dove dormire

    Agriturismo Padre Pio Giovane

    1-1200

    risto-interno esterno-masseria-700download

    Un Raggio Di Sole

    raggioraggio 2raggio 3

    La Terrazza sul Borgo

    123

    Ringraziamo sin da ora il Sindaco del Comune di Serracapriola (Fg), il Geom. Giuseppe D’Onofrio, tutta l’Amministrazione Comunale, il Consigliere Provinciale Sig. Marco Camporeale, per l’ospitalità che avranno verso tutti coloro che vorranno visitare questi suggestivi luoghi. Grazie!

    13237744_111257012627113_6677108557089229431_ndonofrio

    Geom. Giuseppe D’Onofrio 

    Sindaco Comune di Serracapriola (Fg)

    http://www.comune.serracapriola.fg.it/

    insiemecondonofrio@libero.it

    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream