logo

    • 09 GEN 18
    • 0
    Trasferimento di dirigente sindacale senza il nulla-osta del sindacato.

    Trasferimento di dirigente sindacale senza il nulla-osta del sindacato.

    Deve ritenersi che la rotazione prevista dall’art. 1 L. n. 190/12 costituisca una regola che può subire specifiche e motivate eccezioni e che una di esse sia costituita dall’art. 22 L. n. 300/70, come dagli artt. 10 e 18 CCNQ 7/8/08 e 4.5 CCNQ, il che rende inoltre irrilevante il fatto che il citato art. 1 sia temporalmente successivo alle altre poiché, trattandosi di norme speciali, non sono state implicitamente abrogate dall’entrata in vigore della citata L. n. 190/12.
    La disciplina citata quindi non è idonea a far venir meno il diritto del dirigente sindacale a non essere trasferito senza il nulla-osta del sindacato che, peraltro, non per forza deve essere negato; è vero che in caso di diniego generalizzato il sindacato può di fatto paralizzare la rotazione dei propri dirigenti sindacali, ma è anche vero che ciò non è detto che si verifichi, risultando il nulla-osta volto proprio a consentire al sindacato di verificare – di volta in volta – se vi siano ragioni che in qualche modo ledono o rendono più difficoltoso l’esercizio dell’attività sindacale in seguito al trasferimento oppure no, valutando se quest’ultimo sia idoneo a limitare l’esercizio dell’attività sindacale del dirigente. (Avv. Ennio Grassini – dirittosanitario.net)

    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream