logo

    • 08 SET 16
    • 0
    Statali, aumenti di stipendio in cambio di orari di lavoro più lunghi.

    Statali, aumenti di stipendio in cambio di orari di lavoro più lunghi.

    Una delle ipotesi sarebbe quella di rendere più flessibile l’orario, portandolo da 36 fino a 40 ore settimanali. Non c’è solo laumento di stipendio degli statali nella riforma della Pubblica Amministrazione e del conseguente rinnovo dei contratti del pubblico impiego. Secondo le ultime indiscrezioni, anche gli orari di lavoro potrebbero entrare nel negoziato tra sindacati e governo. Una delle ipotesi sarebbe quella di rendere più flessibile l’orario, portandolo da 36 fino a 40 ore settimanali come nel privato, ma dando la possibilità ai singoli dipendenti di scegliere autonomamente se continuare a lavorare lo stesso numero di ore attuali o di incrementarle.

    Piu’ ore di lavoro. 

    Chi dovesse scegliere di aumentare le proprie ore di lavoro settimanali si vedrebbe aumentare anche lo stipendio in busta paga. L’ipotesi, sarebbe arrivata da una parte del fronte sindacale, ma sarebbe vista con interesse dal governo, che tra i suoi obiettivi ha quello di recuperare parte del gap delle ore e dei giorni lavorati rispetto alla media europea. Sul tema degli orari è intervenuta anche la Cisl. “Occorre superare la legge Brunetta”, ha detto il segretario confederale Maurizio Bernava, “ridando spazio alla contrattazione su materie come la flessibilità, gli orari di lavoro, l’organizzazione, la mobilità”.

    La scadenza per queste trattative “tecniche” è stata fissata per il prossimo 15 settembre, poi il ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia, convocherà entro la fine del mese una riunione politica con i vertici dei sindacati per provare a trovare un accordo definitivo. Il nodo più delicato da sciogliere resta quello delle risorse. Al momento il governo ha stanziato 300 milioni di euro, mentre altri 300 milioni sono quelli messi a disposizione dagli enti locali per il rinnovo.

    Misure anti – furbetti:

    Nel calderone della riforma del pubblico impiego potrebbero arrivare anche due misure restrittive: la prima riguarda i permessi per l’assistenza di parenti disabili disciplinati dalla legge 104/1992, dal momento che, negli ultimi anni, si è assistito a molteplici casi di abusi e di falsi beneficiari. La seconda riguarda le ripetute assenze nelle giornate del venerdì e del lunedì: per entrambi i fenomeni, infatti, si registrano valori nettamente superiori a quel che avviene nel settore privato. (Fonte: quifinanza.it)

    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream