logo

    • 11 FEB 17
    • 0
    Casa della Divina Provvidenza “Don Uva” di Foggia, Potenza e Bisceglie a Universo Salute, Telesforo e D’alba evitano il fallimento.

    Casa della Divina Provvidenza “Don Uva” di Foggia, Potenza e Bisceglie a Universo Salute, Telesforo e D’alba evitano il fallimento.

    Scongiurato sul filo di lana il fallimento del Don Uva con la sottoscrizione da parte di tutti i sindacati dell’accordo previsto dall’art. 47 della L.428/1990 e dall’art. 63 del D.Lgs. 270/1999, la trattativa per la cessione del complesso aziendale di proprietà della Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza è entrata così nella sua fase finale, quello della cessione vera e propria che terminerà con il Rogito Notarile. Nel frattempo Universo Salute consegnerà ad horas, al Commissario Straordinario Cozzoli, la fideiussione assicurativa di circa 25 milioni di euro a garanzia degli impegni assunti con l’offerta d’acquisto così come previsto dal disciplinare di gara. L’amministratore delegato Paolo Telesforo e il Presidente Michele D’Alba nell’esprimere soddisfazione per il risultato raggiunto, ringraziano tutti i sindacati per il loro prezioso contributo alla positiva conclusione della trattativa e si augurano che questi ultimi siano al loro fianco, e al fianco dei lavoratori tutti, nel vigilare che si remi tutti in un’unica direzione per traghettare nel più breve tempo possibile il Don Uva verso la parità di bilancio, unica vera condizione e garanzia per un futuro sereno per tutti i lavoratori. Un sentito ringraziamento va, da parte del Presidente Michele D’Alba e dell’Amministratore Delegato Paolo Telesforo, anche e soprattutto al Commissario Cozzoli per l’insindacabile qualità del suo lavoro nello svolgere il difficilissimo compito di traghettare una azienda che aveva perso ogni speranza di futuro a una nuova vita e a una ritrovata dignità. Universo Salute ha particolarmente apprezzato il passaggio in cui il Commissario Straordinario Cozzoli ha sottolineato che, a differenza di quanto è avvenuto con Universo Salute, in base ai dati di bilancio, sarebbe stato più che giustificato un taglio del numero dei dipendenti (infatti il costo del personale assorbe circa l’80% del fatturato). L’accordo siglato a Roma prevede infatti l’esclusione delle tutele crescenti e garanzia dell’art. 18 per tutti i lavoratori, applicazione dei Contratti collettivi nazionale di Lavoro, salvaguardia delle condizioni economiche e normative e delle anzianità di servizio, assunzione a tempo indeterminato per tutti i lavoratori e il riconoscimento di un diritto di precedenza per  i dipendenti titolari di contratti a termine in caso di nuove assunzioni. Questo accordo, così come sottoscritto, è senza ombra di dubbio il migliore dal punto di vista socio-economico-occupazionale rispetto a tutte le altre precedenti procedure commissariali che si sono concluse con una cessione nei confronti di privati e ciò valga non solo come conferma della serietà e concretezza di Universo Salute ma anche per chiarire che – a differenza di quanto sollevato da alcuni esponenti della politica smentiti dai fatti – la nostra mission aziendale non mira esclusivamente al pur necessario profitto elemento indispensabile di una gestione corretta, ma mette al primo posto la salvaguardia di un territorio fin troppo martoriato da speculazioni e deficit occupazionali. (Fonte: teleradioerre.it)

    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream