logo

    • 03 GIU 18
    • 1
    Mobilità e nulla osta negati: il Governo aiuti i Professionisti Sanitari. Firma la petizione!

    Mobilità e nulla osta negati: il Governo aiuti i Professionisti Sanitari. Firma la petizione!

    Medici, i Professionisti Sanitari, gli Infermieri, gli Infermieri Pediatrici e gli Operatori Socio Sanitari sono ormai allo stremo, oberati di lavoro e con stipendi da fame. A questo va aggiunta l’impossibilità di ritornare a casa soprattutto da parte di chi ha vinto un concorso o vuole partecipare ad una selezione pubblica e si vede negare il nulla osta da parte dell’Azienda sanitaria in cui lavora. No alle mobilità negate!

    A tal proposito AssoCareNews.it fa propria una petizione “on line” ideata da Luca Spataro amministratore del gruppo Facebook Avvisi e Concorsi OSS.

    La petizione riguarda tutti i lavoratori della sanità pubblica ed è indirizzata al nuovo Governo guidato dal penta stellato Giuseppe Conte e al Ministro della Salute Giulia Grillo. Si auspica una presa di coscienza da parte delle istituzioni sul delicato tema delle mobilità volontarie e della facoltà arbitraria di negare il nulla osta da parte delle aziende sanitarie.

    Gli hashtag adottati per l’occasione sono: #stopnullaostanegati – #mobilitàvolontarialibera.

    FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE!

    Migliaia di operatori della sanità ogni giorno sempre col sorriso sul proprio volto e la professionalità che li contraddistingue in tutto il paese erogano le proprie prestazioni aspettando il giorno in cui finalmente potranno tornare a casa vicino ai propri affetti.

    Entusiasti più che mai oggi all’indomani dell’insediamento poniamo la speranza che il nuovo Governo ”del cambiamento” e la ministra Giulia Grillo attenzionino le nostre esigenze.

    Sarebbe auspicabile che si valuti la modifica dell’attuale decreto legislativo in tema di mobilità volontaria (decreto Madia del 2014) che, allo stato attuale, relega alle aziende cedenti la possibilità di concedere o meno il nulla osta al dipendente richiedente.

    Ci sono quindi migliaia di dipendenti nel settore della sanità pubblica BLOCCATI perchè da una parte è stato imposto il vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina e dall’altra una facoltà arbitraria alle aziende cedenti circa la possibilità di concedere o meno il nulla osta al dipendente richiedente.

    Di fatto centinaia di migliaia di lavoratori della sanità pubblica (medici, infermieri, tecnici di radiologia, Oss, ecc.) pur vincendo i bandi di mobilità si vedono negati i nulla osta dalla propria azienda tenendoli in concreto lontani dalle proprie famiglie e affetti 100-500-1000 km di distanza per anni se non per tutta la vita.

    Sarebbe auspicabile che il governo del cambiamento che si è dimostrato vicino alle esigenze dei cittadini e che ha a cuore la salute e la serenità degli operatori che tutti i giorni la garantiscono, Governo sul quale migliaia di italiani hanno riposto la propria fiducia, dia finalmente particolare attenzione alla vicenda e eventualmente ripristini la legge anteriore , la quale prevedeva il preavviso di 30 giorni da parte del dipendente e il nulla osta dopo un massimo di tre mesi da parte dell’azienda cedente. (Fonte: assocarenews.it)

    Ringrazio anticipatamente tutti coloro che firmeranno la petizione .

    Puoi firmare la petizione al seguente LINK.

    Leave a reply →
  • Pubblicato da Angela Manna in 4 giugno 2018, 6:50

    Buon lavoro.

      Rispondi →

    Fai un commento

    Cancella messaggio

    Ho letto e accetto l'Informativa sulla Privacy

    Photostream