logo

    • 11 MAR 19
    • 1
    Master “on line”: Infermieri, Ostetriche e Professionisti Sanitari attenti!

    Master “on line”: Infermieri, Ostetriche e Professionisti Sanitari attenti!

    Nascono come funghi e sono proposti da aziende italiane ed estere. Vale la pena iscriversi a questi corsi?

    Sono sempre più i Master farlocchi profilati in Rete ad Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i e Professionisti Sanitari e Tecnico-Sanitari operanti nel SSN pubblico e privato. Tra questi ve ne sono alcuni che rasentano il ridicolo e altri che vantano “poteri formativi” che poi si rivelano delle vere e proprie truffe legalizzate. Il quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it ha iscritto propri inviati a vari Master di I Livello offerti da diverse agenzie formative, sindacati e Università telematiche. Abbiamo scoperto cose scandalose, che vi racconteremo in diversi servizi.

    Ce se sono in giro diversi (e con nomi differenti, anche se ascrivibili allo stesso ambito assistenziale):

    Coordinamento Infermieristico e delle Professioni Sanitarie (vi fidereste di un caposala o di una caposala che ha studiato “on line”?);

    Ecografia infermieristica (obiettivamente parlando affidereste voi stessi o i vostri pazienti/parenti a chi ha studiato su Internet?);

    Assistenza sanitaria in Area Critica (ripetiamo affidereste voi stessi o i vostri pazienti/parenti a colleghi che hanno studiato “on line”?);

    Case-Care management (anche questo è un settore che meriterebbe una formazione ben strutturata);

    Giornalismo Sanitario (chissà perché l’Ordine nazionale e quelli regionali dei Giornalisti non li tengono proprio in considerazione);

    Gestione lesioni cutanee (questo è un settore molto importante dell’assistenza, può mai un Master su internet formare un professionista?).

    Sul Web ne trovate altri e con titoli fantasiosi. Noi vi abbiamo proposto quelli più diffusi. Chi vi propone questi corsi non lo fa per formarvi, ma essenzialmente per guadagnare sulla vendita di un prodotto standard ed estremamente statico. Più il corso è allettante ed è ben presentato, più i professionisti vengono allettati ad iscriversi e spesso con sconti “straordinari” che rasentano anche l’80% in meno rispetto ad un Master frontale. In fondo basta essere iscritti ad un sindacato, ad un centro studi o scaricare una banale App per ricevere subito un abbattimento consistente dei costi di frequenza e formazione. Non vi pare strano?

    Il nostro consiglio.

    Prima di iscrivervi ad un Master (vi consigliamo di seguire quelli frontali organizzati da Università fisiche) pensateci bene e ponetevi delle domande:

    è veramente utile per la mia formazione?

    può portarmi a veri sbocchi professionali e di carriera?

    chi li organizza che tipo di curriculum ha?

    chi mi propone il Master è veramente competente nel settore?

    il tirocinio abbinato al Master è reale o mi riconoscono le normali ore lavorative svolte nella mia azienda?

    perché mi riconoscono le ore lavorative e non mi costringono a fare dei tirocini reali?

    Inoltre, non vi fidate di giornali blasonati che vi propongono Master “miracolosi”, prima di pagare e di farvi “fregare” verificate attentamente chi sono i direttori scientifici dei corsi e se è effettivamente possibile contattarli e contattare i docenti.

    Lo studio di AssoCareInformazione.it

    I Master on line per InfermieriInfermieri PediatriciOstetriche e Professionisti Sanitari non sono ben accetti dalle Aziende sanitarie e dalle Aziende ospedaliere. E’ quanto emerso al termine di un recente studio messo in piedi da AssoCareInformazione.it. Il sodalizio ha somministrato un lungo questionario con più di 100 domande a ben 200 Coordinatori e Dirigenti Infermieri sparsi lungo tutto lo stivale italico.

    La stragrande maggioranza di Coordinatori e Dirigenti ha di fatto bocciato i Master di primo/secondo livello (giudicando negativamente anche quelli di II Livello) presenti un po’ ovunque sul web e destinati a tutte le Professioni Sanitarie non mediche.

    Spesso questi corsi, realizzati per dare formazione integrativa e specialistica post-laurea triennale, vengono venduti a prezzi appetitosi grazie ad accordi di varia natura tra centri studi, organizzazioni sindacali, associazioni di categoria e università telematiche. Ovviamente di non tutta l’erba si può fare un fascio e molti Atenei telematici che rappresentano oramai un brand consolidato si tengono ben distinti e distanti da questo modo di agire e di offrire falsa formazione.

    E’ un sistema quello dei Master on line di Primo e di Secondo livello e dei Corsi ECM in FAD che va sicuramente rivisto e su cui gli Ordini Infermieristici, Medico-Odontoiatrici, Ostetrici e delle Professioni Sanitarie devono primo o poi intervenire. E’ vero che fatta la Legge in Italia si trova sempre l’escamotage per oltrepassarla, ma è pur vero anche che i corsi di formazione e di specializzazione sono stati ideati per offrire ai discenti dei bagagli culturali e scientifici di una certa levatura. Ricordiamoci sempre che Professionisti poco preparati possono fare del male agli assistiti e Ecm o Master conseguiti con l’inganno possono trasformarsi in un boomerang per tutti. Questo sistema prima o poi è destinato a crollare e primo poi la Sanità italiana si macchierà dell’ennesimo scandalo.

    Equipollenza Master Telematici e Master Frontali: lo dice la Legge, ma è poi vero che formano allo stesso modo?

    Come si evince dal portale Unitelematiche.it vi è una Equipollenza delle Lauree tra Università Telematiche e Università Frontali. In altre parole sul portale si evince che i Corsi di Laurea Online erogati da uno degli 11 Atenei Telematici Riconosciuti dal Miur hanno lo stesso identico valore legale dei Corsi di Laurea Online erogati dalle Università “fisiche”. Ciò vuol dire che le Lauree conseguite nelle Università telematiche offrono le stesse possibilità delle Lauree conseguite nelle frontali, in termini ad esempio di accesso ai Concorsi e ai vari Albi Professionali. Questo concetto non si limita a quello di Equipollenza Lauree ma si può parlare più genericamente di Equipollenza Titoli di Studio tra Università Telematiche e Università Frontali. Infatti, così come per i Corsi di Laurea, anche Master e Specializzazioni erogati dagli Atenei Telematici hanno lo stesso valore legale di quelli erogati dalle Università Frontali.

    E su questo non ci piove, ma sicuri che dal punto di vista formativo abbiano la stessa valenza? Lo studio condotta da AssoCare.it ha fatto emergere in maniera distinta anche i pro e i contro dei Master di primo livello seguiti non line.

    I lati positivi dei Master di primo/secondo livello “on line”.

    Nulla da eccepire rispetto ai programmi formativi offerti, che rispettano i dettami del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e quelli del Ministero della Salute. Fatti bene e soprattutto realizzati da docenti molto preparati.

    E’ possibile seguire i Master in qualsiasi momento e da qualsivoglia supporto informatico. Come pure il ventaglio formativo resta piuttosto variegato e in continua evoluzione.

    Va detto che dal punto di vista curricolare il Master on line e il Master frontale danno lo stesso punteggio, quindi sono effettivamente equiparati.

    I lati negativi dei Master di primo/secondo livello “on line”.

    Corsi tecnicamente ben strutturati dicevamo, ma che denotano evidenti pecche su cui occorrerebbe attentamente riflettere:

    i corsi sono realizzati prevalentemente in video, con l’aggiunta di slide e documenti integrativi eventualmente da scaricare (chi controlla che effettivamente il discente è dietro al PC a seguire le lezioni? Nei Master frontali ciò non accade);

    manca un registro delle presenze (in cambio si possono contare gli accessi al portale) e tutto è demandato alla visione o alla lettura di vari step formativi (e se il corso lo segue mia mamma al posto mio mentre cucina il baccalà alla vicentina o i tortellini al ragù bolognese?);

    i tirocini o parte di essi possono essere “abbuonati” attraverso dichiarazioni di dirigenti o amministratori oppure responsabili formativi di Aziende sanitarie private convenzionate (in pratica vengono rilasciati spesso certificati che bypassano tirocini realizzati durante il periodo di lavoro in struttura; se presto la mia opera lavorativa alla struttura come faccio in contemporanea a farci tirocinio nelle stesse ore?).

    E ci sono tanti altri punti sui quali potremmo stare a parlare qui per giorni interi.

    Il risultato del sondaggio di AssoCareInformazione.it.

    Veniamo però al motivo di questo servizio. Cosa è emerso dallo studio di AssoCare.it? Vediamolo assieme sintetizzando il sondaggio in 4 macro-aree (domande sintetiche). Va precisato che gli intervistati erano così suddivisi: 100 Coordinatori Infermieristici (70% donne, 30% uomini); 100 Dirigenti Infermieri (60% uomini, 40% donne).

    1) Hai mai seguito/conseguito un Master on line?

    Coordinatori Infermieristici: 72% si; 28% no;

    Dirigenti Infermieri: 48% si; 52% no.

    2) Affideresti un incarico o una promozione ad un collega che si è Masterizzato on line?

    Coordinatori Infermieristici: 88% no; 6% si; 6% non sa o non risponde;

    Dirigenti Infermieri: 90% no; 8% si; 2% non sa o non risponde.

    3) Come giudichi la reale formazione di un Master on line?

    Coordinatori Infermieristici: 74% scadente; 16% sufficiente; 8% buona; 1% ottima; 1% non risponde;

    Dirigenti Infermieri: 74% scadente; 12% sufficiente; 10% buona; 2% ottima; 2% non sa o non risponde.

    4) Consiglieresti un Master on line di primo o secondo livello?

    Coordinatori Infermieristici: 78% no; 6% si; 16% non sa o non risponde;

    Dirigenti Infermieri: 90% no; 7% si; 3% non sa o non risponde.

    Il resto dello studio sarà pubblicato in un apposito e-book e sarà messo a disposizione di chi vorrà approfondire ancor di più la questione.

    Corsi ECM “on line”: sicuro che sia tutto regolare?

    E nei prossimi giorni si parlerà anche di Corsi ECM on line (Formazione a Distanza – FAD) e della brutta “tradizione” di condividere nei gruppi WhatsApp o tramite E-Mail le risposte ai test di verifica. Tutti sanno che accade, ma nessuno protesta perché in fondo fa comodo ai più: avere già i quiz svolti ci permette di immagazzinare crediti; nello stesso tempo di rende poco professionisti e soggetti non proprio inclini alla vera formazione. (Fonte: www.assocarenews.it)

    E voi cosa ne pensate? Avete mai frequentato o state frequentando questi Master “on line”? Scrivete a redazione@assocarenews.it

    Leave a reply →
  • Pubblicato da maddisio@libero.it in 12 Marzo 2019, 16:07

    I raccomandati invece sono ben accetti!

      Rispondi →

    Fai un commento

    Cancella messaggio

    Ho letto e accetto l'Informativa sulla Privacy

    Photostream