logo

    • 24 GEN 17
    • 0
    Intitolata a “Monsignor Riccardo Ruotolo” la sala convegni dell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo (Fg).

    Intitolata a “Monsignor Riccardo Ruotolo” la sala convegni dell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo (Fg).

    Fu presidente di Casa Sollievo per 25 anni, dal 1978 al 2003.

    7504c9799ee42c9b6ddf530abd1362ee_MIl 20 dicembre scorso, la sala convegni del quarto piano è stata intitolata a Monsignor Riccardo Ruotolo, lo storico presidente che per 25 anni guidò la Casa Sollievo della Sofferenza. Monsignor Michele Castoro, dopo aver scoperto la targa commemorativa, ha ricordato la figura di Ruotolo con parole semplici e sincere: «Lui, uomo fermamente concreto, non amerebbe oggi tante parole, ma credo che dal cielo ci stia guardando con compiacimento vedendo radunata qui la famiglia di Casa Sollievo». Monsignor Castoro ha ricordato quando, negli anni Novanta, Giovanni Paolo II in persona volle elevarlo alla dignità episcopale per «l’Opera che stava guidando senza risparmio di energie e a tempo pieno , pur conservando integra la sua identità di sacerdote». Il bene fatto all’Opera tanto voluta dal frate di Pietrelcina non potrà mai essere dimenticato: «Possiamo dire – ha proseguito Monsignor Castoro – che subito dopo Padre Pio, che ha avuto l’idea di questa Casa Sollievo della Sofferenza, Monsignor Ruotolo ne è stato il co-fondatore, colui che riuscì a portare avanti l’intuizione del Padre, rinnovando, costruendo e ingrandendo la sua Opera con nuovi e numerosi reparti, con il Poliambulatorio Giovanni Paolo II, con la Residenza per Anziani Casa Padre Pio. Ricordo che proprio in occasione dell’inaugurazione dell’RSSA della casa per anziani, alla quale egli stesso partecipò, mi disse “Oggi abbiamo realizzato in pieno l’idea di Padre Pio”».

    Navetta della Solidarietà, pronto il nuovo minibus da 30 posti donato dalla famiglia di Monsignor Ruotolo.

    Rimpiazzerà il vecchio autobus che trasporta quotidianamente, a titolo gratuito, i pazienti che da Bari hanno necessità di raggiungere Casa Sollievo per sottoporsi a radioterapia.

    Il nuovo mini-bus da 30 postiIl nuovo mini-bus da 30 posti. La famiglia del compianto presidente Monsignor Riccardo Ruotolo ha donato all’Ospedale un mini bus da 30 posti. Il mezzo, benedetto da Monsignor Michele Castoro nei giorni scorsi, verrà presto messo a disposizione dei pazienti della Navetta della Solidarietà. Dal lunedì al sabato, da più di 11 anni, la Navetta della Solidarietà trasporta gratuitamente tutti pazienti oncologici della provincia di Bari che hanno necessità quotidiane di raggiungere Casa Sollievo della Sofferenza per sottoporsi alle sedute di radioterapia. Il servizio è stato attivato, a titolo gratuito, al fine di venire incontro alle esigenze di mobilità dei pazienti e dei loro familiari, soprattutto di coloro che non hanno i mezzi economici per affrontare quotidianamente i costi del trasferimento e del soggiorno. L’idea nasce nel 2006 da una lettera, pubblicata da un quotidiano regionale, nella quale una paziente barese, in trattamento di radioterapia presso il nostro Istituto, lamentava le difficoltà economiche ed il disagio che doveva giornalmente affrontare per curare la sua malattia. La Navetta, alla quale si accede con prenotazione gestita dall’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Ospedale, parte ogni mattina alle ore 7:00 dal Sacrario Militare di Bari, in Via Giolitti, e, in caso di necessità, fa tappa all’uscita dei caselli autostradali di Molfetta e Andria. La corsa di rientro parte orientativamente da San Giovanni Rotondo alle ore 14:00.  (Fonte: operapadrepio.it)

    int 2int 3int
    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream