logo

    • 08 DIC 15
    • 0
    Giunta Regionale Pugliese su mobilità regionale personale SSR.

    Giunta Regionale Pugliese su mobilità regionale personale SSR.

    Una regolamentazione delle procedure per tentare di rendere più fluida la mobilità in ambito regionale del personale delle aziende sanitarie.

    La Giunta regionale ha approvato un provvedimento in questo senso che punta a consentire di dare corso alla mobilità intra-regionale del personale sanitario, con graduatorie già approvate, entro il 01.02.2016, coordinandosi per le operazioni di immissione in servizio con le altre Aziende al fine di non creare squilibri tra il personale in uscita ed in ingresso. Alle aziende viene consentito, in sostituzione del personale in mobilità verso altre Aziende del SSR, di reclutare personale per i posti rimasti vacanti (pari alla differenza positiva tra uscite ed ingressi), nel rispetto dei limiti di spesa del personale, utilizzando, previo accordo tra le amministrazioni interessate (art.9, comma 1 della L.3/2003 integrato dall’art.3, comma 61 della L. 350/2003), le graduatorie valide di concorsi espletati da altre Aziende sanitarie regionali. Le Aziende con un bilancio positivo tra ingressi ed uscite a causa della mobilità, alternativamente o congiuntamente devono:

    1. cessare definitivamente contratti a tempo determinato, con esclusione di quelli in proroga destinatari della riserva prevista dal DPCM 6.3.2015, per una spesa corrispondente ai nuovi posti effettivamente ricoperti, al fine di non incrementare la spesa complessiva del personale e rispettare i limiti di spesa previsti dalle norme finanziarie vigenti;
    2. rinunciare ad un numero corrispondente in termini di spesa, di posti già autorizzati e non ancora utilizzati.

    Qualora la compensazione della spesa interessi posti che appartengono a profili professionali diversi, l’Azienda Sanitaria deve preventivamente trasmettere la proposta di modifica al Dipartimento competente, che deve valutare ed esprimersi in merito, alla luce delle indicazioni di cui alla deliberazione n. 2638 del 16.12.2014 riguardante gli adempimenti relativi alle procedure di autorizzazione alle assunzioni presso le ASL ed Enti del SSR. Il Dipartimento competente è autorizzato alla modifica con propri atti e ad invarianza della spesa complessiva già deliberata, delle autorizzazioni alle assunzioni già concesse con le D.G.R. che si sono susseguite.

    Anche le operazioni bilaterali concordate tra le aziende devono essere comunicate al Dipartimento, precisando le figure professionali, il numero del personale e gli importi, ai fini del monitoraggio e del controllo della costanza della spesa del personale. (Fonte: tuttosanita)

    Leave a reply →

Fai un commento

Cancella messaggio

Photostream